Caro lettore, oggi ho scelto di parlarti del delfino. Ho scelto questo animale per “ringraziarli” delle loro recenti visite ai porti di Cagliari, Ancona e chissà… anche molti altri, ma senza lo sguardo dei giornalisti.

Per questo, oggi ho scelto un animale con una espressione facciale che lo fa sembrare sempre sorridente: un simbolo di allegria, di cui abbiamo bisogno e di libertà, che presto torneremo ad avere.

I delfini sono animali molto amichevoli, in grado di relazionarsi in maniera eccellente con gli umani: basta pensare al famosissimo FLIPPER, o a quello più recente WINTER, seguiti e amati non solo dai ragazzini.

Sono “cugini” di balene e orche, infatti appartengono tutti alla famiglia dei CETACEI.

Questi cetacei sono animali molto socievoli: il loro gruppo, può essere formato fino a 1000 esemplari, che giocano, nuotano e cacciano insieme. Sono animali molto intelligenti: il loro cervello è molto simile a quello umano. La gestazione può durare un periodo variabile a seconda delle specie, fino a 17 mesi. Una volta nato il cucciolo le madri si dedicano alla cura parentale in maniera affettuosa e protettiva.

Vista, tatto e udito sono molto sviluppati, mentre è poco sviluppato l’olfatto. Quest’ultimo è ampiamente compensato dagli altri sensi per la ricerca del cibo, di altri delfini o per allontanarsi da eventuali predatori. Sono molto famosi per la loro capacità di comunicare, attraverso l’ecolocalizzazione. Un delfino emette una serie di impulsi sonori, che gli altri delfini percepiscono attraverso i denti inferiori, come delle vibrazioni.

Sono animali molto sensibili: possono provare dolore psicologico e stress. Qualora la situazione lo richieda sono l’unica specie animale, a parte l’uomo, a commettere azioni suicide. Possono percepire la sofferenza altrui, al punto da soccorrere un delfino in difficoltà, cosicché possa respirare dallo spiracolo (il buco posto sulla parte superiore della testa)… Continua

Share This